×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

View GDPR Documents

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Dai bilanci di esercizio ASUR ricaviamo queste due tabelle che ci aiutano a capire (no, forse è meglio il termine: quantificare) l'incremento dei costi per l'acquisto di prestazioni dai privati contrattualizzati  dentro la Regione. Nel giro di 5 anni (dal 2014 al 2018) la spesa è passata da 295,8 milioni di euro a 350,7 con un incremento del 18,6%. Nel frattempo il finanziamento del Servizio Sanitario Regionale è rimasto sostanzialmente invariato.

Al momento sono previste agli atti due nuove Case di Cura Private (Fano e Sassocorvaro) come pure è previsto  l'avvio della attività di una nuova struttura socio-sanitaria a larga partecipazione privata a Villa Fastiggi di Pesaro.

Troppo privato allora? Risposta non semplice. Si tratta molte volte  di un privato che garantisce una assistenza di qualità. E allora? E allora i problemi sono come minimo due:

  • quali scelte programmatorie sostengono queste scelte (nel Piano, se è un piano, non ve n'è traccia)?
  • quando avverrà il potenziamento dell'offerta pubblica laddove è carente e il privato non può sostituire (prevenzione e cure primarie)?

Se si conoscesse la risposta a queste domande il titolo potrebbe anche cambiare (Tipo: Per fortuna abbiamo il privato!), ma per come stanno le cose oggi questo trend non ci può tranquillizzare. Tanto più che altro privato bolle in pentola e presto ne riparleremo. Me lo sento.

 

 

Devi fare login per poter postare un commento
Leggi il commneto... The comment will be refreshed after 00:00.

il primo commento

Joomla SEF URLs by Artio