×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

View GDPR Documents

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.
Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Il dibattito pubblico locale come quello nazionale è dominato da argomenti che non hanno riscontro con la realtà (che preferiamo non vedere); intanto le cose vanno davvero male e non facendo nulla per migliorarle il Paese vive al confine del baratro, discutendo animatamente di cause esterne inesistenti. Leggere l'editoriale di Le Scienze di questo mese, come una sana doccia fredda, ci riporta alla realtà di come noi sabotiamo il nostro futuro. Buona lettura: Il curioso caso della Federico II (ma anche quello di agosto: Che cosa succede nella matematica italiana?).

Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Nell’incipit della parte del programma 2015-2020 della attuale Giunta dedicato alla sanità c’erano già tutte le premesse per quello che sarebbe successo negli anni successivi. Eccole quelle tre righe: 

Vogliamo per questo promuovere una stagione di nuove politiche, ripartendo da pochi e chiari obiettivi, realizzabili in tempi certi e sostenibili economicamente, che mettano al centro il cittadino e i suoi bisogni reali di salute.

Ho lasciato in grassetto quelle che mi sembrano le parole chiave: pochi e chiari obiettivi. L'attuale Giunta ha sbagliato il punto di partenza: l’idea che la sanità – sistema di enorme complessità – potesse essere ricondotta a “pochi e chiari obiettivi” ha avuto gravi conseguenze.

Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Nelle organizzazioni mantenere l'allineamento tra le diverse parti è uno dei punti di maggiore criticità e per questo assumono una valenza strategica i differenziali (per chi non avesse ricordi dell'esame per la patente, ricordo che il differenziale è un dispositivo che garantisce la possibilità di distribuire la spinta del motore in modo diverso tra le ruote: questo è essenziale per fare le curve senza andare dritti...).

Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Nella giornata di ieri la prima notizia del GR3 edizione regionale edizione del mattino è stata dedicata ad un infortunio mortale sul lavoro occorso pochi giorni fa a Monteprandone, in Provincia di Ascoli Piceno. Si è trattato dell’ennesimo incidente avvenuto a carico del conducente di un trattore.  Per ricercare la notizia su internet ho usato come parole chiave per il motore di ricerca “infortunio mortale agricoltore Marche” e ho trovato subito altri due recenti infortuni mortali oltre a quello appena ricordato: uno avvenuto meno di un mese fa a Pesaro (c’era di mezzo una motozappa) ed un altro avvenuto a Visso meno di tre mesi fa (di nuovo c’è di mezzo un trattore).

Scrivi un commento
Print Friendly, PDF & Email

Questo è un periodo di dibattiti nelle varie feste di partito / giornale / associazione che ci sono in giro per l'Italia: ieri pomeriggio Radio radicale ha mandato il dibattito tra Landini, Greco e Barbacetto dal titolo "Una finanziaria pagata dai ladri" (disponibile on line e assolutamente da ascoltare) dalla festa del Il Fatto Quotidiano.

Joomla SEF URLs by Artio